info@stilef.it

Le diverse tipologie d’imballaggi e le loro applicazioni

imballaggio primario, secondario e terziario

Le diverse tipologie d’imballaggi e le loro applicazioni

by Editori terenziconcept |8 novembre 2018 | Blog

Chi è estraneo al mercato degli imballaggi probabilmente non sa che questi si dividono, in base alle loro funzioni ed alla merce contenuta, in imballaggio primario, secondario e terziario.

In questo articolo vedremo nel dettaglio queste diverse tipologie di imballo ed il ruolo di Stilef nella loro produzione.

Imballaggio primario

Con imballaggio primario s’intende la scatola che contiene il prodotto pronto per il consumo. Questo termine si utilizza tanto per le confezioni di beni di largo utilizzo quanto per il packaging alimentare, come le lattine e le scatole di cereali. Non esistono regole che definiscono un imballaggio primario, il termine include protezioni in metallo, in cartone, in legno (poco utilizzato per questo genere di confezioni) e in plastica.

Lo scopo principale dell’imballaggio primario è conservare i beni deperibili, valorizzarli agli occhi del consumatore e semplificare il loro utilizzo.

Imballaggio secondario o “multiplo”

L’imballaggio secondario viene progettato per raggruppare diverse unità di vendita, ognuna delle quali costituita da uno o più prodotti. Queste unità possono essere vendute singolarmente o acquistate in gruppo. Alcuni esempi di questa tipologia d’imballaggio sono: confezioni contenenti diverse bottiglie, “stecche” di sigarette ed i gruppi da sei flaconi di Estathè, trattenuti da una pratica base in cartone.

L’imballaggio secondario è destinato tanto al cliente quanto all’esercizio commerciale, poiché facilita l’esposizione dei prodotti e riduce il rischio di danneggiamento durante le fasi logistiche precedenti la vendita. Spetta poi all’esercizio commerciale decidere se esporre i prodotti singolarmente o ancora raggruppati all’interno della scatola.

Molti negozi o centri commerciali scelgono di esporre i prodotti a basso costo ancora all’interno delle confezioni secondarie, per ridurre i tempi di allestimento degli scaffali.

Imballaggio terziario

L’imballaggio terziario ha lo scopo di semplificare le fasi di trasporto del prodotto e proteggerlo dai danni provocati dagli operatori.

L’imballaggio terziario più diffuso è lo scatolone in cartone ondulato, utilizzato all’interno delle reti di distribuzione o per le fasi di consegna al cliente, ha lo scopo di proteggere il prodotto e semplificare le fasi di movimentazione (riducendo al contempo i costi). Oltre alle scatole, sono considerati imballaggi terziari: i pallet di qualunque materiale, le protezioni in polistirolo e foam, le coperture in plastica trasparente, i contenitori in legno.

Stilef, azienda specializzata nelle scatole in cartone ondulato, vi consiglierà la tipologia più adatta d’imballaggio per il vostro prodotto, che sappia valorizzarlo e proteggerlo dagli urti. Non esitate a contattarci.

 

contatti

Share this post: